Residenze

La “mediterraneità” culturale di Giampiero Camponovo, unita a una formazione  architettonica e a una metodologia  di lavoro tipicamente svizzere, ben si esprime  nella realizzazione  di edifici che interpretano al meglio un’idea di qualità  dell’architettura scevra da ambizioni  di inutile monumentalità a tutto vantaggio di soluzioni progettuali  che, a fronte delle numerose sfide che la società odierna si trova ad affrontare, ricercano  il modo più idoneo per migliorare l’ambiente  urbano  e di conseguenza  la qualità della vita di ogni essere umano. “L’architettura ha il compito di proporre spunti di riflessione e di inventarsi  frontiere  sempre nuove che ne modificano le prospettive.  Un concetto chiave riguarda il fatto che l’architetto  nel suo progettare  consideri  sempre  una condizione  umana  nell’edificio e in ciò che l’edificio può trasmettere. Fondamentale è poi l’accostamento sapiente  dei materiali. A seconda  dei diversi accostamenti i materiali  possono generare qualcosa di unico esaltando proprie qualità: ogni materiale ha in sé centinaia  di possibilità, sta nell’architetto accostarli nel modo migliore in modo che vibrino all’unisono. Architettura è anche realizzare un involucro immaginando spazi e creando ambienti  che possano essere vissuti in ogni momento in modo piacevole. Progettando un edificio, occupiamo un piccolo frammento di territorio. Diventa allora decisivo il rapporto che si crea tra la sfera pubblica e a quella privata.  Ancora una volta è fondamentale il rapporto  che l’uomo stabilisce con lo spazio e l’atmosfera che lo spazio stesso può generare”. Quando si parla di edifici di qualità si intendono ambienti  come spazi di relazione, progettati  per accogliere e organizzare  tutte  le attività  umane,  con il coinvolgimento dell’utente  a livello fisico, emotivo e sociale. Nel contesto ticinese e svizzero il concetto di “lusso”, non può essere identificato con l’ostentazione  e la superficialità, ma con i valori dello sviluppo sostenibile, associato a saggezza, etica, moderazione e uso di materiali  di buona  qualità.  Si impone una  nuova  sensibilità  particolarmente attenta a qualificare  e differenziare,  anche  rispetto all’abitare,  alcuni prodotti  e servizi, in ogni caso caratterizzati da un elevato livello qualitativo. Anche l’architettura aspira dunque all’eccellenza della forma e del contenuto, ricercando  il valore e il pregio secondo criteri socialmente  responsabili  e con un’attenzione sempre presente nei confronti  dell’ambiente.

Giampiero Camponovo’s Mediterranean culture, combined with a typically Swiss architectural training  and  working methodology, is well expressed  in buildings  that  interpret in the  best possible way an idea of architectural quality devoid of pointless monumentality. This approach favours design solutions which, in the face of the numerous challenges today’s society has to meet, seek out the most suitable way to improve the urban  environment and hence every in- dividual’s quality of life. “Architecture  has the  duty  to suggest food for thought  and  to invent  for itself ever new frontiers  that  change  its perspectives.  A key concept  regards  the  fact that  the  architect  in designing projects should always consider  a human condition  in the building and in what it can transmit. Also the  skilful combination of materials  is fundamental. Depending  on the different  combinations the  materials  can generate  something  unique  by accentuating their qualities.  Every material  has hundreds of possibilities,  it is up to the  architect  to combine them in the best possible way so that they vibrate in unison. Architecture  also means creating a shell, imagining spaces and environments that are pleasant to live in at all times. In design- ing a building,  we occupy a small fragment  of territory. So the  relationship that  is created between  the public and private sphere becomes decisive. Yet again the relationship that  man establishes  with the  space and  the  atmosphere that  the  space itself can generate  is fundamental.” When we speak of high quality buildings we mean rooms as spaces of relationship, designed to receive and organize all human activities,  with the involvement of the user at a physical, emotional and social level. In the Ticino context  and Switzerland  in general  the concept  of “luxury” cannot  be identified with ostentation and superficiality, but with the values of sustainable development, associated with wisdom, ethics, moderation and the use of good quality materials. A new sensibility emerges that is particularly  concerned  with qualifying and differentiating  – also with regard to housing – certain high quality products and services. Architecture also aspires to excellence in form and content, by seeking value and quality according to socially responsible criteria and with respect for the environment.